E invece sono solo Peter Pan. Esattamente tre mesi fa, e questo è uno dei motivi del mio silenzio, ero ricoverata in ospedale in terapia intensiva a causa di una polmonite degenerata in shock settico. Quella che una volta si sarebbe chiamata setticemia, e che tu pensi possa esistere solo in un romanzo dell’800 dove le donne morivano consumate dalla tisi o dall’amore in mezzo alle camelie. Invece esiste, fa paura ed esiste. Due settimane di ospedale, il dubbio che ci fosse anche altro di ben più brutto nel mio polmone affumicato,  altri 45 giorni di convalescenza a casa, e ad oggi non sono ancora tornata in forma al 100%. Ci vorrà altro tempo. Dunque pare che lo shock settico si manifesti soprattutto in persone debilitate, anziani o bambini piccoli, con una risposta immunitaria minore. Come ha potuto attaccare me, che mi sono sempre sentita Superman? Sentirti invincibile è una…

Oggi parliamo di bellezza con Ilaria Turcio, marketing manager di Organique, azienda di prodotti cosmetici naturali per il viso e per il corpo, trattamenti SPA ed anche di una linea dedicata all’uomo. Oltre che mia carissima e preziosa amica, Ilaria è una donna veramente in gamba e anche mia consulente personale di bellezza 🙂 . E’ infatti grazie a lei che ho capito, provato, e visto con risultati concreti sulla mia pelle, quale e quanta sia la differenza nella scelta dei prodotti cosmetici. Io che mi spalmavo in faccia di tutto, spesso attirata dalle pubblicità di prodotti che promettono effetti miracolosi (sì l’effetto miracoloso c’è, ma sul portafogli…), da quando uso i prodotti tutti naturali della sua azienda non potrei mai più tornare indietro, e le volte che per caso uso altri prodotti noto subito la differenza. Organique nasce ispirandosi alle tradizioni secolari di benessere che provengono da ogni parte del mondo, veri…

Non è raro, arrivati ad una certa età, incontrare persone con figli che sono separate, divorziate, o rimaste sole a causa di un lutto. Direi che anzi, almeno nella mia esperienza, sono più le famiglie con un solo genitore che le famiglie tradizionali. Non voglio entrare nel merito delle scelte personali, spesso dolorose, o degli eventi che hanno causato tali lacerazioni. Di fatto queste situazioni implicano sempre una serie di problemi non solo psicologici ma anche economici, burocratici ed organizzativi, di fronte ai quali spesso ci si sente soli ed impreparati. Io sono una madre single con tre figli, e – per dire la cosa più cretina – se voglio prenotare una settimana bianca in montagna o un qualsiasi traghetto  troverò l’offerta “2 adulti + 1 bambino gratis”, “1 bambino per ogni adulto”, e così via. Mai, e dico MAI, che io abbia trovato un’offerta per genitori single. Così come…