Archive

luglio 2017

Browsing

Può darsi che io sia nata nell’epoca sbagliata. Sin da piccola rimanevo incollata alla TV (in bianco e nero) a guardare quei meravigliosi film anni’50 dove le donne indossavano sempre la gonna e i guanti e gli uomini il cappello e l’impermeabile. C’era sempre quello di Natale, peraltro. Fred Astaire volteggiava con Ginger Rogers, Lauren Bacall viveva con Humprey Bogart una delle storie d’amore più belle della storia del cinema (nonostante i 25 anni di differenza d’età), Rita Hayworth faceva girare la testa al mondo intero. Mi sembravano, mi sembrano tuttora, uomini e donne veri e soprattutto bellissimi aldilà delle caratteristiche fisiche, e da grande avrei voluto essere anche io così. Erano bellissimi anche in jeans, anche in costume da bagno, persino in accappatoio. Erano belli sempre, punto. Certo, mi si potrebbe obiettare che i tempi sono cambiati e che oggi è più semplice andare a fare la spesa con…

Credo che fosse Agosto 2013 quando una sera, dopo cena, mi sono detta: “vado a camminare”. Mi sono infilata un paio di leggings e delle scarpette da ginnastica leggere, cuffie alle orecchie, e sono uscita di casa. Al buio. Da allora non ho più smesso, seppure con periodi di pausa nei quali non cammino per giorni o anche per settimane. Ho sempre fatto tantissimo sport nella mia vita, e tuttora faccio regolarmente pilates, ma nulla è come camminare. I benefici non sono solo fisici, anche se naturalmente camminare rassoda le gambe e i glutei, dona armonia alle forme, e scioglie le tensioni di spalle, schiena e braccia. A patto di camminare di buon passo. La mia motivazione per camminare non è estetica. E’ ovvio che mi fa piacere sentirmi in forma e agile, ma più di tutto camminare mi FA STARE BENE, mi mette di buon umore e mi aiuta…